Archivi categoria: roma

Concorso Mef all’Ergife. Erbaggi-Consorti: “Basta saturazione, è l’ora del decentramento”

“E’ il momento di dire basta. In occasione dei concorsi, tanto più quelli della PA, non si possono saturare le solite sedi. Domani ci sarà l’ennesima selezione, su concorso del Mef, e anche stavolta l’Ergife e la via Aurelia saranno teatro del tutto, con notevoli problematiche alla viabilità, soprattutto in entrata, e disagi ai partecipanti e residenti. Come previsto dalla direttiva del 26/02/2002, in materia di decentramento, le amministrazioni, nel caso di concorsi con notevole partecipazione di candidati, sono portate ad evitare qualunque forma di detrimento per la cittadinanza, utilizzando, qualora fosse necessario, idonee strutture site al di fuori dei grandi centri urbani”. Così in una nota i dirigenti romani di Fratelli d’Italia, Stefano Erbaggi e Alessandra Consorti.

 

Allarme scuole nel Municipio XV: chiusa anche La Mimosa per un problema alla caldaia. “Seconda struttura chiusa da Simonelli in pochi mesi”

“Dopo il plesso di Case e Campi a La Giustiniana, con un’altra ordinanza del Presidente M5S del Municipio XV Simonelli, chiude un’altra scuola in questo quadrante di Roma nord. Si tratta de La Mimosa a Prima Porta. A portare alla chiusura della struttura sono stati i problemi all’impianto di riscaldamento: la caldaia era danneggiata – da giorni i bambini dell’istituto erano al freddo – e il Comune di Roma, anch’esso firmato M5S, non ha provveduto a sostituirla, nonostante i molteplici solleciti. E’ ovvio che l’attenzione alle strutture scolastiche da parte del Movimento a 5 Stelle che governa il Municipio XV e il Comune di Roma sia sotto la soglia minima garantita. Ai 100 bambini della scuola di Casa e Campi, dirottati pochi mesi fa in più scuole dopo una bagarre durata settimana, ora si dovrà trovare una collocazione anche ai 75 della scuola La Mimosa. Il tutto per problemi che, con tutto il rispetto, avrebbero dovuto essere affrontati e risolti per tempo. La situazione non è più sostenibile”. Così in una nota il dirigente romano di Fratelli d’Italia, Stefano Erbaggi, insieme al Consigliere del Municipio XV, Giorgio Mori, e al responsabile di FDI San Godenzo-Due Ponti, Adriana Glori.

Bando Roma Tpl. Erbaggi-Consorti: “Errore imperdonabile per la Giunta Raggi”

“Bus fantasma o rotti all’interno del bando per l’acquisizione da Roma Tpl di 442 bus? Un errore imperdonabile della Giunta Raggi che dimostra ancora una volta la sua inadeguatezza davanti al problema dei trasporti nella Capitale. Dopo le problematiche relative al bilancio di Atac, gli autobus andati in fiamme nel 2018, arriva un’altra tegola per i cittadini e per le casse del Comune. Come si fa a firmare un accordo che prevede l’acquisizione di un numero così alto di veicoli ‘nello stato d’uso in cui si trovano’ e poi ritrovarsi con vetture fantasma o distrutte?”, così in una nota i dirigenti romani di Fratelli d’Italia, Stefano Erbaggi e Alessandra Consorti. Continua a leggere

Paolo-Erbaggi-Consorti: “Scuola Winckelmann senza riscaldamenti. Raggi e Gisci non possono nascondersi”

“Il plesso della scuola materna ed elementare Winckelmann di via Lanciani per l’ennesima volta, alla ripresa delle attività dopo le festività natalizie, si trova a dover fare i conti con il mancato funzionamento degli impianti di riscaldamento. Stamattina i bambini sono costretti a restare nelle aule totalmente al freddo, questo a causa della mancanza di vigilanza e programmazione da parte dell’Assessorato alla Scuola del Municipio II e del Dipartimento SIMU del Comune di Roma. Malgrado le ripetute sollecitazioni, i tecnici del Comune di Roma non si sono ancora presentati presso la Scuola, come riferito dal Coordinatore scolastico, le famiglie sono allarmante per le possibili conseguenze, in termini di salute, per i bambini”. Lo dichiarano in una nota il Capogruppo di Fratelli d’Italia del Municipio II, Holljwer Paolo, e i Dirigenti romani di FDI, Stefano Erbaggi e Alessandra Consorti. Continua a leggere

Salute. Angelilli (Centrodestra): “Il Comune di Roma assegna il bando per la disinfestazione ma è tardi”

“Nella giornata di ieri, 26 novembre, è stato assegnato il bando per l’affidamento del servizio di disinfestazione su suolo pubblico per il controllo antilarvale di tutte le specie di zanzare presenti a Roma. L’appalto si concluderà il 31 dicembre 2018 ed è stato assegnato tramite procedura al massimo ribasso, con una riduzione del 41,60%, per una somma pari a 148.343,95 euro. Questa dinamica descrive un nuovo record ‘mondiale’ per Roma in quanto nessuna città nel mondo effettua disinfestazioni nei mesi invernali. Attività come questa vanno programmate in primavera e subito dopo l’estate, allo scopo di essere utili. Eseguirla a dicembre equivale ad uno spreco di denaro pubblico”. Continua a leggere

News del 5 Novembre 2018

Salve, alcune notizie:

1) Referendum consultivo dell’11 novembre
Non tutti sanno che l’11 novembre si voterà dalle h 8 alle h 20, presso le scuole dove si vota normalmente, per il referendum consultivo sul trasporto romano. Ho chiesto al Comitato del Si ed al Comitato del No di darmi ciascuno 5 punti affinché ognuno possa decidere cosa votare:
Comitato per il Si: – 1) Con la liberalizzazione del servizio, la gestione verrebbe affidata con gare a livello europeo a soggetti sia pubblici che privati. 2) Atac si può salvare solo con contributo pubblico, con operazioni finanziarie a lungo termine e non pagando i creditori. 3) Le periferie non verrebbero abbandonate dai privati, perché con il contratto di servizio questi sarebbero sanzionati dal Comune. 4) Il Comune stabilirebbe il costo del biglietto, il numero e i tragitti delle linee, affidate ad una o più aziende. 5) Separare Comune e aziende darebbe la possibilità di sanzionare chi non rispetta i contratti e, se opportuno, rimuovere tali imprese.
Comitato per il No: – 1) Il privato già opera a Roma, con 30 milioni di km di esercizio nelle periferie e quasi 123 linee ha servizio più scadente di quello Atac (vedi Tpl). 2) Atac è una SpA di proprietà del Comune, che nel tempo ha affidato a ditte private le funzioni di manutenzione prima svolte all’interno dell’azienda. Privato non è meglio di pubblico. 3) Il trasporto pubblico non è esclusivamente mirato al conseguimento di un lucro, perché garantisce un diritto minimo alla mobilità ai meno abbienti. Il privato tenderebbe a privilegiare le linee producenti guadagno e ad abbandonare quelle improduttive. 4) Un privato tenderebbe ad aumentare il costo pubblico e delle tariffe per i cittadini. 5) La privatizzazione comporterebbe il taglio di ulteriori linee, lavoratori licenziati, rendite d’oro per gli immobiliaristi con la svendita degli immobili Atac.
Vi ricordo, comunque, che il referendum è puramente consultivo, non obbliga il Comune a dare seguito alla volontà espressa dal voto. Continua a leggere

Scuola materna Case e Campi. Vigili del fuoco chiudono la struttura a rischio stabilità. Erbaggi: “Situazione senza precedenti”

“Vedere i bambini allontanarsi dalla struttura con cassette piene delle loro cose, sotto il controllo dei Vigili del fuoco e con i genitori ad assisterli è uno spettacolo al quale non ho mai assistito. Quando accaduto oggi a Casa e Campi è sinonimo di scarsa attenzione nei confronti della struttura e delle dinamiche scolastiche da parte delle Amministrazioni locali e di mancato tatto e organizzazione nella gestione di questo momento di difficoltà”. Continua a leggere

Via dei Fabi, il Campidoglio si attivi per il centro anziani

Via dei Fabi rischia di perdere il proprio centro anziani. Il locale destinato a tale utilizzo dalla convenzione urbanistica avrebbe dovuto essere acquisito dal Comune di Roma, cosa che non è avvenuta. Oggi, in virtù del fallimento della società costruttrice, il Tribunale fallimentare ha messo all’asta una serie di proprietà, tra le quali quella destinata al centro anziani. Continua a leggere

News del 4 Settembre 2018

Salve a tutti,

riprendiamo il consueto filo diretto, dopo la pausa estiva, con alcune notizie:

1) Congestion charge – ecopass

L’Amministrazione Capitolina ha intenzione di approvare una delibera con cui si dà mandato alla Giunta Raggi di istituire entro due anni il cosiddetto “Ecopass Congestion Charge”, ovvero l’ennesimo balzello nei confronti dei romani. La delibera era in votazione all’Assemblea Capitolina di oggi, ma è mancato il numero legale e non si è potuto procedere alla votazione. Non è ancora definitivo, quindi, ma molto probabilmente finirà così. Continua a leggere