News del 10 Gennaio 2020

Salve e buon anno a tutti, sperando che questo sia l’ultimo con la Raggi sindaco, per il bene di Roma e nostro.

A livello nazionale una prima scadenza importante sarà il 26 gennaio con le elezioni regionali in Emilia Romagna, che speriamo mettano una pietra tombale a questo governo della poltrona di inadeguati e incapaci.

Sui venti di guerra che soffiano in medio oriente non voglio entrare nella disamina del giusto o sbagliato, ma mi auguro, e stento a comprendere perché ciò non sia ancora avvenuto, che il governo italiano richiami immediatamente il contingente italiano inviato in Iraq con missione di addestramento dei soldati di un governo che adesso non ci vuole più.

 Ed ora alcune news dal territorio:

1) Nessuna discarica a Roma!

Continuare ad ipotizzare di realizzare una discarica nel territorio comunale – prima si diceva a Tragliatella, adesso l’area indicata è Monte Carnevale – è il frutto della miopia di due amministrazioni, comunale e regionale, inerti da troppi anni. Roma deve puntare sì sull’ampliamento della differenziata, ma a questo bisogna abbinare per forza la realizzazione di impianti destinati allo smaltimento dell’indifferenziato. Per questo motivo sabato prossimo alle h 10 sarò a fianco del Comitato Valle Galeria per dire NO alla malsana idea della discarica a Monte Carnevale.

2) Roma nord imprigionata dal traffico?

Il 20 gennaio inizieranno i lavori di manutenzione della galleria Giovanni XXIII. Tutti voi che mi seguite sapete che sono da sempre un fautore di lavori pubblici sul territorio, ma bisogna saper coordinare i diversi interventi in maniera organica. Per questo penso che una chiusura di 75 giorni in direzione Pineta Sacchetti e di altri 75 giorni in direzione Salaria della galleria Giovanni XXIII, contemporaneamente ad altri lavori che hanno comportato la chiusura di stazioni della metro, abbattimento di un tratto della tangenziale est, restringimento della via Aurelia e altri ancora, non possa essere sopportata dal traffico romano. Per questo Fratelli d’Italia sta chiedendo una revisione dei tempi e delle modalità di intervento, prevedendo un maggior numero di turni di lavoro h24 e, negli orari più impattanti sul traffico, di valutare l’ipotesi di un doppio senso di marcia nella parte della galleria aperta. Non avendoci pensato prima il tempo ora è poco, ma è ancora possibile programmare con intelligenza.

3) Urtisti no, abusivi sì

Fa un po’ sorridere la “intraprendenza” del sindaco Raggi di cacciare gli urtisti dalle piazze e dalle fontane storiche di Roma, decisione sicuramente condivisibile per quanto riguarda il decoro urbano, ma che cozza con l’invasione di abusivi presenti in ogni angolo del centro della capitale. Personalmente ne ho contati oltre 40 che vendevano di tutto, dalle sciarpe ai giochi, agli attrezzi per i cellulari, agli ombrelli, a qualsiasi cosa, solo in un pezzo di piazza Navona, abusivi che creano una vera e propria invasione per il turismo.

Quindi chiediamo al sindaco di essere più coerente e di affrontare in toto la questione, perché è assurdo pensare che si perseguitino gli urtisti regolari per un discorso di decoro, ma che venga lasciato incontrastato l’abusivismo commerciale massiccio che gira per il centro della città.

4) Stazione metro Barberini

Ci sarebbe da ridere se non fosse che la nostra città piange lacrime amare: incredibilmente, dopo tanti mesi di lavoro, le scale mobili della stazione metro Barberini non hanno passato (solo alcune) il test dei controlli da parte dei tecnici del ministero. Pertanto la riapertura della stazione è stata rinviata nuovamente, in vista di nuovi interventi di adeguamento e messa a norma. Qui non si parla più di buona o cattiva politica, qui si parla di totale incapacità nella materia pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *